Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Cristina Savettieri - Immoralismo e angosce mimetiche: il caso di Bret Easton Ellis

Quando fu pubblicato, American Psycho di Bret Easton Ellis scatenò una reazione di angoscia mimetica molto forte in parte della critica e del pubblico di lettori: il libro veniva visto come un oggetto pericoloso e immorale, capace di spingere chi lo leggesse a compiere azioni violente. Per difendere da questi attacchi l’opera di Ellis, alcuni critici si impegnarono a dimostrarne il valore allegorico e il potere di critica della società capitalistica. Ellis mantenne un atteggiamento ambiguo rispetto ad American Psycho, considerandolo ora una satira epocale dell’America reaganiana, ora un libro personale e intimo. Il saggio ridiscute la separazione tra sfera estetica e vita morale ripercorrendo alcuni aspetti della ricezione critica e pubblica del romanzo e soffermandosi sulla riscrittura che Ellis ne fa nella sua unica autofiction, Lunar Park.

When it appeared, American Psycho by Bret Easton Ellis engendered a strong reaction of what might be termed “mimetic anxiety” in both critics and common readers: the book was considered a dangerous and immoral tool, able to drive whoever read it into perpetrating violent deeds. In order to defend Ellis’ work from these attacks, some critics committed to demonstrating its allegoric value and its ability to criticize capitalist society. Ellis has been keeping an ambiguous stance in front of his own novel, considering it both an epochal satire of the Reagan years and a personal and even intimate tale. This article discusses the separation between the aesthetic realm and moral life by first analyzing some aspects of the controversial critical and public reception of the novel and then discussing the reworking of this controversy as explored in Lunar Park, Ellis’ only autofictional work.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

 

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria80

Solo la letteratura poteva mettere a nudo il gioco della trasgressione della legge – senza la quale la legge non avrebbe fine – indipendentemente da un ordine da creare. La letteratura non si può assumere il compito di dare ordine alla necessità collettiva. Non le conviene concludere: «quello che ho detto ci impegna al rispetto fondamentale delle leggi della città»; oppure, come fa il cristianesimo: «quello che ho detto (la tragedia del Vangelo) ci impegna nella via del Bene» (cioè, di fatto, della ragione). La letteratura è anche, come la trasgressione della legge morale, un pericolo. 

Essendo inorganica, è irresponsabile. Niente poggia su di essa. Può dire tutto.

Georges Bataille, La letteratura e il male 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute