Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Raffaele Donnarumma - Walter Siti, immoralista

Storia di un prete oltranzista e pedofilo, Bruciare tutto (2017) di Walter Siti ha suscitato un vasto dibattito sul rapporto fra letteratura ed etica e sull’autonomia dell’arte. Questo saggio esamina prima le diverse posizioni espresse in merito, poi il romanzo: lontano dal pronunciare un’apologia della pedofilia, esso finisce però per vanificare la possibilità della sua condanna. Lo scandalo perseguito scientemente contesta la comunicazione di massa, ma resta vittima della sua logica. Narratore onnisciente e insieme irresponsabile, Siti gioca così fino in fondo le carte perturbanti dell’immoralismo e del nichilismo.

Bruciare tutto (2017) by Walter Siti is the story of a fundamentalist and pedophile priest that has sparked a vast debate on the relationship between literature and ethics and on the autonomy of art. This essay first discusses relevant critical views, then analyses the novel per se. Far from pronouncing an apology of pedophilia, it ends up making its condemnation impossible. While intentionally pursuing a scandal meant to challenge mass communication, the novel becomes a victim of its own provocative logic. As an omniscient and irresponsible narrator at once, Siti proves an immoralist and nihilist all the way, with uncanny effects.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

 

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria80

Solo la letteratura poteva mettere a nudo il gioco della trasgressione della legge – senza la quale la legge non avrebbe fine – indipendentemente da un ordine da creare. La letteratura non si può assumere il compito di dare ordine alla necessità collettiva. Non le conviene concludere: «quello che ho detto ci impegna al rispetto fondamentale delle leggi della città»; oppure, come fa il cristianesimo: «quello che ho detto (la tragedia del Vangelo) ci impegna nella via del Bene» (cioè, di fatto, della ragione). La letteratura è anche, come la trasgressione della legge morale, un pericolo. 

Essendo inorganica, è irresponsabile. Niente poggia su di essa. Può dire tutto.

Georges Bataille, La letteratura e il male 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute