Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Tiziana de Rogatis - Realismo stregato e genealogia femminile in Menzogna e sortilegio

Scopo di questo saggio è dimostrare che il realismo stregato è una chiave di lettura centrale per interpretare Menzogna e sortilegio. Il realismo stregato ha una straordinaria capacità prensile e inclusiva verso il reale e i suoi intrecci, perché racconta una totalità a partire dal basso: dalla prospettiva psichica e metaforica di un universo femminile psichicamente e/o socialmente subalterno, e tuttavia mosso da una potente vitalità e aspirazione al dominio.

Menzogna e sortilegio si presenta in maniera sistematica, e con diverse tonalità espressive e stilistiche, come la storia di quattro streghe – Elisa, voce narrante della storia, sua nonna Cesira, sua madre Anna e Concetta, madre di Edoardo –, del loro «sortilegio», e della loro «menzogna». Attraverso una complessa strategia inclusiva di scrittura e di stile, l’autrice modella nella forma del testo un punto di vista per un verso spietato su questo universo di donne madri figlie, e per l’altro profondamente sintonico con esso.

Aim of this essay is to demonstrate that the bewitched realism is a central key to interpret House of Liars (the literal translation of the title is: Lie and Sorcery). The bewitched realism has an extraordinary prehensile and inclusive capacity towards reality and its plot, because it creates a totality starting from the bottom: from the psychic and metaphorical perspective of a female universe psychically and/or socially subordinate, and yet driven by a powerful vitality and aspiration to the domain. House of Liars presents itself in a systematic way, and with different expressive and stylistic tones, as the story of four witches  Elisa, narrating voice of the story, her grandmother Cesira, her mother Anna and Concetta, Edoardo’s mother , of their «sorcery» and of their «lie». Through a complex inclusive strategy of writing and style, Elsa Morante models this female universe through a point of view at the same time ruthless and deeply in tune with it.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria80

Solo la letteratura poteva mettere a nudo il gioco della trasgressione della legge – senza la quale la legge non avrebbe fine – indipendentemente da un ordine da creare. La letteratura non si può assumere il compito di dare ordine alla necessità collettiva. Non le conviene concludere: «quello che ho detto ci impegna al rispetto fondamentale delle leggi della città»; oppure, come fa il cristianesimo: «quello che ho detto (la tragedia del Vangelo) ci impegna nella via del Bene» (cioè, di fatto, della ragione). La letteratura è anche, come la trasgressione della legge morale, un pericolo. 

Essendo inorganica, è irresponsabile. Niente poggia su di essa. Può dire tutto.

Georges Bataille, La letteratura e il male 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute