Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Simone Turco - L’archetipo come «idea astratta»: Leopardi, Jung, la metafisica e l’immanenza

Scopo dell’articolo è analizzare la definizione che Leopardi dà degli archetipi come peculiare glossa delle idee metafisiche platoniche. Contrariamente ai principi idealistici prevalenti nel primo Ottocento, però, egli non ritiene tali idee “innate” (il che le renderebbe “metafisiche” nel senso classico, fatto che non potrebbe accettare), bensì “astratte”. Benché distante dalle conclusioni cui giunge Kant in tale frangente, egli condivide con il pensatore tedesco la nozione che le idee archetipiche risiedano in un ambito impenetrabile che per Kant è l’orizzonte noumenico, mentre per Leopardi è quello puramente psicologico. Pertanto, la sua definizione di archetipo come idea astratta è unica nel suo genere nel tempo in cui si forma, e si avvicina alla moderna concezione delle idee innate come aventi origine da una fonte psichica e immanente che ricopre lo stesso ruolo ed esercita la stessa forza dell’ambito metafisico della tradizione classica e idealista. Assomiglia all’orizzonte interpretativo verso cui tenderà Jung in maniera del tutto indipendente decenni dopo. Nonostante la distanza temporale e culturale che li separa, Leopardi e Jung possono essere studiati in parallelo quanto alle nozioni di archetipo e di psiche collettiva, mettendo così in luce comparatisticamente influenze comuni e inaspettate somiglianze, anche grazie alle analisi orientate in senso mistico di Elémire Zolla.

The paper aims at analyzing Leopardi’s definition of the archetypes as a peculiar gloss of Platonic metaphysical ideas. Contrary to the dominant Idealist tenets of the early nineteenth century, however, he does not view such ideas as “innate” (something that would make them “metaphysical” in the Classical sense, which he could not accept), but as ‘”abstract”. Though distant from Kant’s conclusions in this regard, he shares with the German thinker the notion that archetypal ideas lie in a nearly impenetrable realm that, for Kant, is the noumenic horizon, and, for Leopardi, is the purely psychological one. Therefore, his definition of archetype as abstract idea is unique in his time and is closer to the modern conception of innate ideas as springing from a psychical, immanent source having the same role and force as the metaphysical realm of Classical and Idealist tradition. It resembles the interpretative horizon to which Jung would have tended independently decades later. Despite their temporal and cultural distance, Leopardi and Jung can be studied in parallel with regard to the concepts of archetype and collective psyche, thus highlighting common influxes and unexpected similarities in a comparative perspective, also by use of Elémire Zolla’s mysticallyoriented analyses.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

 

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria80

Solo la letteratura poteva mettere a nudo il gioco della trasgressione della legge – senza la quale la legge non avrebbe fine – indipendentemente da un ordine da creare. La letteratura non si può assumere il compito di dare ordine alla necessità collettiva. Non le conviene concludere: «quello che ho detto ci impegna al rispetto fondamentale delle leggi della città»; oppure, come fa il cristianesimo: «quello che ho detto (la tragedia del Vangelo) ci impegna nella via del Bene» (cioè, di fatto, della ragione). La letteratura è anche, come la trasgressione della legge morale, un pericolo. 

Essendo inorganica, è irresponsabile. Niente poggia su di essa. Può dire tutto.

Georges Bataille, La letteratura e il male 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute