Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Desmond Manderson - Questioning the Sense of an Interconnection: Law and Literature from its Origins until Today

Il professor Desmond Manderson insegna presso la Australian National University di Canberra. È un punto di riferimento a livello internazionale per gli studi interdisciplinari sul diritto, in particolare per quanto riguarda il rapporto fra diritto e scienze umane. Il suo lavoro è considerato tra i fondamentali approcci interdisciplinari alla questione della normatività giuridica.

Manderson ha sviluppato, negli anni, un metodo che integra dispositivi tipici di più campi disciplinari, offrendo a generazioni studiosi la possibilità di leggere criticamente il funzionamento del sistema giuridico, il rapporto tra diritto e giustizia, e l’impatto della regolazione giuridica sula vita di ogni giorno. In particolare, il suo approccio problematizza temi come l’autorità e la legittimità; la relazione tra giustizia, diritto ed etica; lo scarto tra regola, interpretazione e giudizio.

Inoltre, Manderson ha prodotto una significativa espansione dell’oggetto di studio del campo denominato law and literature e, più in generale, law and humanities – aprendolo alla musica, alle arti figurative e alla cultura pop: queste aperture hanno ampliato in modo rilevante il dibattito sulla funzione sociale del diritto e hanno messo in questione il problema fondamentale di ogni sistema giuridico: la realizzazione della giustizia.

Documento senza titolo

Scarica l'articolo completo

Articolo completo

Fai clic sull'icona del file a lato per scaricare l'articolo completo in formato Acrobat PDF.

Abbonati alla rivista

Se vuoi abbonarti, o vuoi regalare l'abbonamento alla rivista per un anno, fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Palumboeditore dove potrai richiedere l'abbonamento.

allegoria80

Solo la letteratura poteva mettere a nudo il gioco della trasgressione della legge – senza la quale la legge non avrebbe fine – indipendentemente da un ordine da creare. La letteratura non si può assumere il compito di dare ordine alla necessità collettiva. Non le conviene concludere: «quello che ho detto ci impegna al rispetto fondamentale delle leggi della città»; oppure, come fa il cristianesimo: «quello che ho detto (la tragedia del Vangelo) ci impegna nella via del Bene» (cioè, di fatto, della ragione). La letteratura è anche, come la trasgressione della legge morale, un pericolo. 

Essendo inorganica, è irresponsabile. Niente poggia su di essa. Può dire tutto.

Georges Bataille, La letteratura e il male 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute