Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Paola Italia, Giorgio Pinotti, Claudio Vela - Gadda in Adelphi. Una conversazione (a cura di Valentino Baldi e Cristina Savettieri)

Nel 2010 la casa editrice Adelphi acquista i diritti per pubblicare le opere di Gadda e inizia una doppia operazione editoriale basata, da una parte, sulla proposta di materiali nuovi epistolari, testi inediti, scritti, appunti, materiale fotografico, provenienti dal fondo dell’erede di Gadda Arnaldo Liberati e, dall’altra, sulla ripubblicazione di molte opere gaddiane, man mano che vengono liberate dai diritti precedentemente detenuti da Garzanti. Adelphi si aggiunge, così, ai molti editori che, negli anni, si sono proposti di pubblicare e di raccogliere l’opera gaddiana; operazione quanto mai complessa a fronte di uno degli autori più reticenti, resistenti e recalcitranti della nostra storia letteraria in materia di editoria. Un autore che Giorgio Pinotti, nella Nota al testo a conclusione del Pasticciaccio, definisce «anticipista»,1 affetto, cioè, da una tendenza a promettere la consegna di opere ancora in fieri, o che vedranno la luce in sedi diverse da quelle prestabilite.

È inevitabile che il confronto con Garzanti, e in particolare con l’edizione di tutte le opere coordinata da Dante Isella, sia stata la prima e costante preoccupazione dei curatori delle nuove edizioni. L’intera operazione adelphiana è coordinata da Paola Italia, Giorgio Pinotti e Claudio Vela, che curano – sia singolarmente che in squadra, a seconda del libro – tutte le uscite dei nuovi volumi.

Acquista il numero di Allegoria 82

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato digitale (PDF), fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Scuolabook nel quale potrai effettuare l'acquisto.

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato cartaceo, invia un bonifico di € 19 all'IBAN IT22D0200804610000004640831 intestato a G.B. Palumbo & C. Editore S.p.A. e segnala tramite Mail gli estremi del tuo pagamento a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonati alla rivista

Per abbonarti per un anno alla rivista, in formato cartaceo, invia un bonifico di € 35 all'IBAN IT22D0200804610000004640831 intestato a G.B. Palumbo & C. Editore S.p.A. e segnala tramite Mail gli estremi del tuo pagamento a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

allegoria82

Nei termini di Marx il lavoro chiama in causa nello stesso tempo il regno della necessità e il regno della libertà. Ci sembra che questa ambivalenza possa essere una chiave di lettura dei testi letterari sul lavoro, considerati cioè come formazioni di compromesso rispetto a questa doppia natura del lavoro moderno. Anche quando il lavoro è abbrutimento resta vivo un frammento di senso, e viceversa, anche quando il lavoro realizza l’individuo resta vivo un frammento di estraneità e di asservimento. 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute