Informativa sull'utilizzo dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Accetto

Filippo Grendene - Un tramonto elettrico splende su Le vite potenziali

Il saggio affronta il romanzo di Francesco Targhetta, Le vite potenziali, a partire da una serie di assunti: nel romanzo manca la dimensione storica, il tempo dell’opera è al presente; compare la dimensione storica, manca dunque la possibilità di degradazione; i personaggi esorbitano continuamente dalla propria funzione narrativa e sono resi attraverso strategie formali e retoriche complesse; il lavoro non è un tema dell’opera, ma una parte necessaria dello sfondo sociale che lo caratterizza. A partire da questi ragionamenti si tenta di allargare il discorso oltre i confini del romanzo stesso, per riflettere su alcuni dei problemi che legano tematologia, forma, contenuto.

The essay deals with Francesco Targhetta’s Le vite potenziali, starting from a series of critical assumptions: in the novel the historical dimension lacks, the time of the work is the present; the historical dimension appears, therefore the possibility of degradation is missing; the characters continuously exorbitant from their narrative function and are rendered through complex formal strategies and rhetoric; the work is not a theme of the book, but a necessary part of the social background that characterizes it. Starting from these arguments, an attempt is made to broaden the discourse beyond the confines of the novel itself, to reflect on problems that link thematology, form, and content.

Acquista il numero di Allegoria 82

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato digitale (PDF), fai clic sul pulsante e sarai reindirizzato sul sito Scuolabook nel quale potrai effettuare l'acquisto.

Per acquistare l'intero numero della rivista, in formato cartaceo, invia un bonifico di € 19 all'IBAN IT22D0200804610000004640831 intestato a G.B. Palumbo & C. Editore S.p.A. e segnala tramite Mail gli estremi del tuo pagamento a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonati alla rivista

Per abbonarti per un anno alla rivista, in formato cartaceo, invia un bonifico di € 35 all'IBAN IT22D0200804610000004640831 intestato a G.B. Palumbo & C. Editore S.p.A. e segnala tramite Mail gli estremi del tuo pagamento a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

allegoria82

Nei termini di Marx il lavoro chiama in causa nello stesso tempo il regno della necessità e il regno della libertà. Ci sembra che questa ambivalenza possa essere una chiave di lettura dei testi letterari sul lavoro, considerati cioè come formazioni di compromesso rispetto a questa doppia natura del lavoro moderno. Anche quando il lavoro è abbrutimento resta vivo un frammento di senso, e viceversa, anche quando il lavoro realizza l’individuo resta vivo un frammento di estraneità e di asservimento. 

 

Il Tema

Teoria e critica

Il Presente

Tremila battute